martedì 2 maggio 2017

PASTA CON LE SARDE


2 Maggio 2017 appuntamento con la Rubrica di cucina italiana L'Italia nel Piatto, questo mese il tema è  VERDURE ED ERBE SPONTANEE DI PRIMAVERA e in rappresentanza della Sicilia come potevo non presentare una ricetta tradizionale italiana il cui ingrediente principe e caratteristico  è il finocchietto selvatico.
Cit. dal Mio Quaderno di Ricette: LA PASTA CON LE SARDE è un primo classico della cucina siciliana caratterizzata da un connubio di pasta,pesce, verdura e frutta che crea un contrasto tipico della cucina tipica sicula-araba tra piccante e dolce. L'origine del piatto è leggendaria e viene attribuita al cuoco del generale arabo Eufebio che, in occasione del suo imbarco in Sicilia alla conquista dell'isola, fu costretto, per sfamare le truppe che si trovavano in condizioni di stenti, ad arrangiarsi utilizzando tutto quello che aveva a portata di cucina e che la natura poteva offrire, ovvero pesce e finocchietto selvatico con l'aggiunta fantasiosa di pinoli, uvetta passa ( la Passulina piccola uvetta dal gusto meno dolce rispetto a quella comune ) e lo zafferano. L'abitudine di insaporire e aromatizzare il pesce con il finocchietto selvatico risale probabilmente all'epoca dei Greci e dei Romani, mentre è pressochè certo che l'utilizzo dell'uva passa, dei pinoli e dello zafferano sia di matrice araba.


La pasta con le sarde è una celebre ricetta palermitana, diffusa in tutta la Sicilia anche se con diverse varianti. Io vi do la ricetta originale , tramandata da mia nonna a mia mamma, anche se la mia nonna, la faceva in rosso e dopo averla preparata con lo stesso procedimento, la infornava.


INGREDIENTI per 6 persone:

500 gr di pasta bucatini;

un kg di sarde freschissime;

1/2 cipolla e un piccolo scalogno ;

un bel mazzo di finocchietto selvatico;

4 acciughe sotto sale ( in alternativa sott'olio);

30 gr di pinoli;

50 gr di uvetta passa ( Passulina );

mezzo bicchiere di vino bianco secco;

q.b. di sale;

q.b. di olio extra vergine di oliva

e per finire...

q.b. di pangrattato tostato.

PROCEDIMENTO:

Eviscerate le sarde, lavatele sotto l'acqua corrente e apritele a libro.

Lessate in abbondante acqua il finocchietto selvatico, scolatelo bene e non buttate via l'acqua di cottura.



Tritatelo finemente a punta di coltello e tenetelo da parte.

In un bicchiere di acqua fredda mettete ad ammollare l'uva passa. In un capiente tegame scaldate un paio di cucchiai di olio evo , aggiungete i filetti di acciuga e soffriggetevi la cipolla precedentemente tritata anch' essa a coltello.




                 Aggiungete le sarde pulite e mescolate.











Aggiungete il vino bianco e fate sfumare qualche minuto.


Aggiungete il finocchietto tritato, l'uva passa scolata e strizzata e i pinoli.

Aggiustate di sale e tenete in caldo. Nell'acqua dove avete cotto il finocchietto, fate  cuocere i bucatini, scolateli e versatevi sopra il condimento. In un tegamino mettete due cucchiai di olio evo, aggiungete il pangrattato e fatelo rosolare fino a farlo imbiondire, mescolandolo spesso per evitare di farlo bruciare.

Spolverizzate sulla superficie della pasta e servite ben caldo.






Ed ecco i bravissimi rappresentanti delle altre Regioni Italiane:

Friuli-Venezia Giulia: Cjarsons cul sclopit
Lombardia: Risotto con Taleggio e Asparagi http://www.kucinadikiara.it/2017/05...
Veneto: Uova e asparagi alla bassanese http://www.ilfiordicappero.com/2017...
Emilia Romagna: Risotto e vartis http://zibaldoneculinario.blogspot.com/...
Liguria: carciofi fritti in pastella croccante e crostini con avocado e carciofi http://arbanelladibasilico.blogspot.com/...
Toscana: Piselli alla fiorentina http://acquacottaf.blogspot.com/201...
Lazio: Piselli con il guanciale http://www.silviaferrante.com/?p=75...
Umbria: Frittata con asparagi selvatici http://www.dueamicheincucina.ifood.it/...
Abruzzo: Mezze maniche con pesto alla rucola http://ilmondodibetty.it/mezze-maniche-co…esto-alla-rucola/
Puglia: Orecchiette con cicorielle http://breakfastdadonaflor.blogspot.com/...
Campania:
Calabria: ‘CICORIA ALLA CALABRESE CON MOLLICA DI PANE http://ilmondodirina.blogspot.com/2...

4 commenti:

  1. Sempre sentita nominare e mai assaggiata è grave vero? la tua ha un ottimo aspetto! complimenti!

    RispondiElimina
  2. Una pasta che adoro e preparo ogni volta che trovo il finocchietto, cosa non sempre facile da noi!
    Invece non conoscevo la storia di questo piatto!!!
    E nemmeno la versione "infornata"!!!!!!
    Ciao
    Elisa

    RispondiElimina
  3. Questo piatto deve avere un profumo pazzesco! L'ho cucinato solo una volta ma, vedendo le tue foto, mi è tornata la voglia di riproporlo! Mio marito sarebbe strafelicissimo!!!! Complimenti tesoro, sempre braverrima! :-)

    RispondiElimina
  4. Un piatto che rispecchia in pieno i sapori e profumi della bella Sicilia e tu sei stata bravissima a preparare questa bontà!
    Un abbraccio
    Milena

    RispondiElimina